Da La Maddalena ad Artabax: la cornice ideale per una splendida vacanza in Sardegna

Archiviato in: italia  

Sardegna, che passione. Da Punta Falcone, a nord, a Capo Teulada, a sud, non c’è un luogo, una città, un paese che non siano di straordinaria bellezza e di incomparabile valore. Considerato il fascino della zona non è un caso che le promozioni e i pacchetti per le vacanze in Sardegna vadano letteralmente a ruba, anche già molti mesi prima dell’estate. Non ci credete? Non sarà difficile farvi cambiare idea. Oggi parliamo del nord e del centro di quest’isola, in particolar modo della Maddalena e di Arbatax, due luoghi incantanti che sono, anche se in modo diverso, un pezzo fondamentale della storia d’Italia. La Maddalena, comune sardo costituito da un arcipelago, è nota soprattutto per essere stata l’ultima dimora di Garibaldi. A Caprera, una delle isole appartenenti alla Maddalena, l’Eroe dei Due Mondi ha, infatti, costruito la “Casa Bianca”, diventato oggi un importante museo e “dimora” della tomba di Garibaldi stesso. Se il turismo marittimo è quello che si sta cercando non resterete certamente insoddisfatti. La Maddalena, infatti, è conosciuta in tutto il mondo per le spiagge pulite e la limpidezza dell’acqua. Arrivati sull’isola, è possibile soggiornare in alberghi, pensioni, villaggi turistici, B&B, campeggi e case vacanze. Insomma ce n’è per tutti i gusti e per tutti i portafogli. Sono tantissime le attività da svolgere sulla Maddalena, dal giro in barca a vela alle attività subacquee, dal giro in bici alle escursioni sulle isole vicine.

Come arrivare in questa splendida zona? L’isola è raggiungibile solo via mare da Palau (a soli 40 km dall’aeroporto di Olbia), con traghetti in partenza ogni quindici minuti.

Al centro della Sardegna, sulla costa orientale, si trova invece Arbatax (nella foto), frazione del comune di Tortolì, in provincia di Ogliastra. Le principali attrazioni della zona sono certamente le scogliere di porfido rosso, chiamate le Rocce Rosse (foto in basso), ammirabili anche dai turisti in traghetto, vicino la chiesa di Stella Mari. Le Rocce rosse non sono l’unica formazione di porfido rosso nel territorio di Ogliastra ma la composizione di questo monumento naturale è unica al mondo. All’interno della scogliera, poi, è presente un passaggio che permettere di accedere a una spiaggia pulitissima che si affaccia sull’azzurro Mar Mediterraneo. La zona è ormai diventata talmente importante per gli autoctoni così come per i turisti che è sempre più spesso teatro di concerti e manifestazioni di diverso genere. Da Vinicio Capossela ai Subsonica sono tantissimi gli artisti italiani e stranieri che si sono esibiti vicino alle straordinare rocce rosse di porfido.

È possibile arrivare ad Arbatax dall’aeroporto di Cagliari (che dista 150 km) e da quello di Olbia (lontano 180 km) e poi affittare una macchina o prendere uno shuttle bus. Un altro mezzo per arrivare alle Rocce Rosse è il traghetto, approdando direttamente al porto Arbatax.


I commenti qui sono chiusi.